von red 25.11.2022 09:53 Uhr

Gegendarstellung: Dott.ssa Ambrogio Corrada

Dott.ssa Ambrogio Corrada, Hausärztin in Uttenheim, begehrt auf Gegendarstellung in Bezug auf den Beitrag „Neue Hausärztin sorgt in Pusterer Gemeinde für Unruhe“, vom 15.10.2022 im Sinne des Pressegesetzes.

Quelle: Corrada Ambrogio

“Nega ai pazienti l’uso della lingua tedesca”. Affermo di essere in possesso del patentino di bilinguismo, conseguito a Vienna e non ho difficoltà a dialogare con i pazienti qualora parlassero in “hochdeutsch”. Purtroppo, alcuni, si esprimono soltanto in “dialetto tedesco”. Il paziente si deve far capire per evitare il pericolo di una errata diagnosi ed una non corretta e pericolosa prescrizione di farmaci. Questo per la tutela del paziente.

Definirmi “italiana” con volontà discriminatoria è espressione di una mentalitàretrograda e poco accogliente che è in contrasto con la grande religiosità delle persone del territorio.

Gli episodi di vandalismo, soprattutto durante una festa religiosa, non trovano alcuna giustificazione. Strappare una lampada per poter liberamente urinare davanti allo studio medico non può far parte della tradizione culturale in una festa del Südtirol. Far conoscere questi episodi serve a far riflettere che lo studio medico è “proprietàdella Comunità” e non della dott.ssa Ambrogio. Ringrazio un persona della Comunitàche si è adoperata per pulire e sterilizzare i luoghi imbrattati di urina.

I rapporti con i pazienti o la Comunità di Gais, Villa Ottone, Brunico sono ottimi e posso produrre una lettera di apprezzamento firmata da numerosi pazienti.

Prima di iniziare a lavorare a Villa Ottone, il Comune di Gais ha espresso una grande soddisfazione per aver portato a Gais un secondo medico. Soddisfazione espressa con abbinamento del mio nome ad un conosciuto logo politico. Nulla da dire sul logo, ma il medico cura tutta la Comunità senza chiedere la tessera politica. Grave scorrettezza.

Da questo momento i rapporti con il Comune di Gais si guastano anche perchè il promesso studio medico, adeguato alle esigenze del territorio, rimane soltanto sulla carta, si volatilizza e non per mio rifiuto . Tutto dimostrabile.

Ed infine, essere definita fascista e abbinata alla Meloni è un vero e proprio “abbaglio” o come si dice dalle mie parti “un violenta insolazione, un colpo di sole”. Affermo. Senza ombra di dubbio che non condivido la politica della Sig.ra Meloni dal momento che “la mia famiglia ha solide e condivise idee antifasciste”. Le foto sui social e i relativi commenti vanno letti in modo corretto.

Le chiacchiere inconcludenti e le false promesse le lascio ai politici, alla Comunita bisogna offrire certezze.

Quelle: Corrada Ambrogio

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite