von mas 11.02.2019 05:44 Uhr

Una Terra … cinque lingue! – Santuarie de Sent’Uièna, n toch de cher de Fascia.

Il Santuario di Santa Giuliana, cuore delle comunità di Fassa – di Annelise Vian.   Sabato 16 febbraio, la celebrazione solenne della Santa Patrona.

Foto: Annelise Vian

Sent’Uièna…..
….. l’é emozion, marevea e sentiment!!!
Na veduda da encant, mures ciarié de storia, gejia colma de èrt, son de ciampènes, legremes per chi che ne à lascià, recorc de sègres, contìes, devozion, e soraldut orazion che vegn dal cher!!!

Sent’Uièna….
… l’é se empienir i eies de na veduda maraveousa.
D’uton, n bosch de lèrjes con larjines color de l’or, fèsc corona al ciampanil che se auza spiz tel ciel brun.
L braciacol de la più beles crepes de la Dolomites al santuarie di fascegn.
Mile colores de pré dut n fior e japede chel col… nesc paìjes.
…. nesc veies no podea troèr n post più bel per fèr su la gejia de la Senta che vèrda via noscia val e noscia jent!!!

Sent’Uièna….
…. l’é ruèr te la Storia.
Resc de mures testamonesc de n lech de devozion pagan del III e IV centené inant Crist.
Prum veior document del 1237, per nosc santuarie l’era n monech che aea inom Oto.
Gejia n stil gotich fata su a la metà del XV secol e sagrèda ai 23 de messèl del 1452 dal Cardinal Nicolò Cusano, Piscop de Persenon.
… e te te sentes picol dedant ai secoi de Storia che conta chisc mures.

Sent’Uièna…..
…..l’é èrt.
.. maraveous utèr de legn zipià fat dal zipiador e pitor da Busan Georg Artz tel 1517!
Recort del 1966 canche la statues é staes robèdes.
Siere amò na picola beza canche i mie, sot ousc, dijea che i à robà sa Sent’Uièna, n spaent!!!
… e la net la era amò più scura e la fajea poura.

Sent’Uièna…..
… l’é marevea.
Depenc a fresch del 1500 fac da n pitor fosc ruà dal Venet o dal Friul e dò comedé del 1764 da Jan Batista Cudauner da Ciampedel.
Te chi chèdres lejer la vita de noscia Senta nasciuda a Nicomedia n Bitinia, sposa de n om pagan che l’à adertura fata torturèr e ge à fat taèr via l cef. La mor del 305 sot la persecuzion de Dioclezian.
Vegn aric vardan sie martirie e tel medemo temp se resta maraveé dedant a na fe coscita grana !
… e se domana forza per creer de più.

Sent’Uièna…
… l’é dolor.
…strenc l cher pissèr che la ciampènes les à dat l’ùltim salut a tenc joegn militères foresc morc da la Gran Vera sun per noscia bela crepes, dalènc da sia tera e sia families.
…conforta l cher pissan che Sent’Uièna a strent te braciacol chisc peres omegn i compagnan sun Paradis.
…dèsc pèsc al cher pissèr che duc i dis noscia Senta vèrda via chisc militères che paussa te Cortina de Vera de Ciaslir.
… e l pensier sgola n Galizia (Ucraina) per recordèr nesc omegn morc dalènc da Fascia per defener l’Imper Austro – Ungarich.

Sent’Uièna…
… l’é dir develpai.
Recordèr la gran procescion fata del 1945 fenida la seconda vera mondièla.
Somea de veder i confalons de duta Fascia ruèr sun chel col, somea de sentir amò la orazions de develpai de duc i fascegn a noscia Senta per aer vardà via noscia val dai bombardamenc.
… e te chela procescion doi ousc cognosciudes, mia mère e mie père.

Sent’Uièna…
..l’é legreza.
L recort de tanta sègres sun Piz de Val.
La gaissa de mie fra che va a sonèr da vea.
Scutèr sun barcon chel son che rua al cher.
Mia mère e mia ameda che fèsc grosoti e te l’aria chel bon odor de sègra.
Peconc che vegn da Messa, i se ferma per na viva, n grostol e n grignot.
La stua piena de parents per na bona marena.
Sona la banda, l’é festa per duta la val!!!
…..e sion béleche fora de l’invern.

Sent’Uièna…
…l’é recorc da beza.
Mateèr sot chel ciampanil, se sconer anter i lèrjes, se tirèr de piotoi, vidèr sasc ju per la rives, se pricolèr su per duc i peces, robèr nojeles, fèr madalenzes, legreza de n schiap de bec bricons.
… e la doucia veièda de noscia Senta che semper ne à vardà via.

Sent’Uièna…
… l’é la tanta contìes sentudes te cèsa.
Te la contìa l segn del Ciel con doi manc jonc che lascé jir da soi, i se ferma sun Ciaslir, tel più bel post olache se podea fèr su l Santuarie di fascegn.
La ira del Diaol che sciampan da Sent’Uièna l fèsc l busc te la crepa che amò ades se veit sun Vael su la “Fenster”!!
… da bec se ge cree e da gregn l’é bel ge creer!

Sent’Uièna...
… l’é soraldut na orazion forta e sinziera che vegn dal cher!!!
Domanèr grazies per i nesc de cèsa, la familia, i amisc e soraldut chi che padesc.
Recordèr chi che ne à volù ben e i ne à lascià.
Domanèr didament e dir develpai per dut l ben che l’é te noscia vita.
…..e endèna i eies se empienesc de legremes…

Sent’Uièna…
… l’é se n jir a cèsa col cher content e lijier ….

 

Notes:
Gejia de Sent’Uièna sora l paìsc de Vich – Comun de Sen Jan.
enformazions storiches toutes fora dal liber “La lejia de Sent’Uliana a Vich – Val de Fascia” – Père Frumenzio Ghetta de Martin – publicà da l’Istitut Cultural Ladin de Fascia – “Majon di fascegn”.
Sègra de Sent’Uièna ai 16 de firé.
Contìa – Vegnìa contà che nesc veies aessa volù fèr su la gejia sun Pianac. De dì i fajea su i mures e de net i sutèa ju. I à coscita entenù che no l’era chel l post che l Ciel aessa volù.
I à jont doi manc e i li à lascé jir da soi, olache i se aessa fermà, i aessa fat su la gejia, i se à fermà sun Ciaslir.
Contìa – L’é stat n temp che te l’infern no ruèa più ju fascegn. L diaol l’é vegnù te Fascia a chierir la rejon. L’à scontrà Sent’Uièna, l se à recordà de sia gran fé. Enirà desche n poie l’é sciampà su per Vael. Da la ira no l’à vedù la crepa coscita l’à dat ite tant sech che l’à fat n busc che se veit amò ades su la “Fenster”.

Santa Giuliana ….
… è emozione, meraviglia e commozione.
Un panorama stupendo, muri carichi di storia, chiesa ricca d’arte, suono di campane, lacrime per i defunti, ricordi di sagre, leggende, fede e soprattutto preghiera che viene dal cuore.

Santa Giuliana ….
.. è natura.
Bosco di larici con aghi dorati in autunno, fanno corona al campanile che svetta nel cielo azzurro.
Incanto dove le più belle montagne dolomitiche racchiudono in un abbraccio il Santuario dei fassani.
Mille colori dei prati in fiore e ai piedi del colle … i nostri paesi.
… i nostri avi non potevano trovare posto migliore per costruire la chiesa della Santa protettrice di Fassa!

Santa Giuliana ….
…. è entrare nella Storia.
Reperti archeologici testimoni di un luogo di culto pagano del III e IV secolo prima di Cristo.
Primo documento del 1237, per questa chiesa c’era già un sacrestano di nome Oto.
Chiesa in stile gotico costruita nella seconda metà de XV secolo, consacrata dal Cardinale Nicolò Cusano Vescovo di Bressanone il 23 luglio 1452
… e in questo luogo sacro ti senti piccolo rispetto ai secoli di Storia raccontati da queste mura.

Santa Giuliana ….
… è arte.
Stupendo altare ligneo realizzato dallo scultore e pittore di Bolzano Georg Artz nel 1517
Ricordo del 1966 quando le belle statue di questo altare sono state saccheggiate.
Ero piccolina quando i miei genitori, sottovoce, dicevano che hanno rubato a Santa Giuliana … un sacrilegio!!!!
…e la notte era ancora più scura e faceva paura.

Santa Giuliana ….
… è ammirazione.
Affreschi del 1500 eseguiti da un pittore forse veneto o friulano, restaurati nel 1794 da Giovanni Battista Cudauner di Campitello di Fassa.
Nei quadri leggere la vita della nostra Santa, nata a Nicodemia in Bitinia, sposa ad un uomo pagano che la fece addirittura torturare. Santa Giuliana morì decapitata nel 305 durante le persecuzioni di Diocleziano.
Provi orrore per il suo martirio e contemporaneamente ammirazione per la sua grandissima fede.
… e chiedi forza per credere di più.

Santa Giuliana ….
… è un cuore che piange pensando che le sue campane hanno dato l’ultimo saluto, ai tanti giovani soldati stranieri morti durante la Grande Guerra sulle nostre montagne, lontano dalle loro famiglie e terre d’origine.
.. è conforto al cuore pensare che Santa Giuliana ha racchiuso in un abbraccio questi poveri ragazzi accompagnandoli in Paradiso.
… è pace per il cuore pensare che la nostra Santa tutti i giorni veglia su questi soldati che riposano nel Cimitero Austro Ungarico di Ciaslir.*
… il pensiero vola in Galizia (Ucraina) ricordando i nostri uomini caduti nella Grande Guerra lontano dalla val di Fassa per difendere l’Impero Austro – Ungarico..

Santa Giuliana ….
… è ringraziare
Ricordare la grande processione del 1945 alla fine della seconda guerra mondiale .
Sembra ancora di vedere i gonfaloni di tutti i paesi di Fassa arrivare su quel colle, sembra di sentire ancora le preghiere di ringraziamento per aver protetto la nostra valle dai bombardamenti.
… e fra quelle voci anche due conosciute, mia madre e mio padre.

Santa Giuliana ….
… è gioia.
Il ricordo di tante sagre in “Piz de Val”* .
Mio fratello entusiasta che corre a suonare le campane la sera della vigilia
Ascoltare sul poggiolo quel suono così caro.
Mia madre e mia zia preparano i “grostoi”*, profumo di sagra.
Gli amici tornano dalla Messa, si fermano per un brindisi, un “grostol” ed un sorriso.
Il buon pranzo nella stube piena di parenti.
Suona la banda, è festa per tutta la valle!!
… e l’inverno è quasi finito …

Santa Giuliana ….
.. è tornare bambini.
I giochi all’ombra di quel campanile, nascondersi fra i larici, tirarsi le pigne, far rotolare i sassi dal pendio, arrampicarsi sugli alberi, rubare nocciole, combinare guai era la gioia di noi monelli.
… e su di noi lo sguardo dolce della nostra Santa che ci ha sempre protetti.

Santa Giuliana ….
… è ricordare le tante leggende raccontate a noi bambini.
Nella leggenda, il segno del Cielo in due buoi lasciati liberi che si fermano sul colle, il luogo più bello per edificare il santuario di Fassa!*
L’ira del Diavolo, che scappando da Santa Giuliana, trapassa la roccia lasciando una fenditura che ancora oggi si vede a Vael sulla Torre Finestra.*
… da bambino ci credi e da adulto è bello crederci.

Santa Giuliana ….
… è preghiera che viene dal cuore forte e sincera.
Benedizioni per i nostri cari, per la famiglia, gli amici che stanno soffrendo, ricordare chi ci ha voluto bene e purtroppo non c’è più.
Domandare aiuto e ringraziare per tutto il bene che c’è nella nostra vita.
… e l’emozione riempie i nostri occhi di lacrime.

 Santa Giuliana ….
… è tornare a casa con il cuore contento e leggero …

 

Note:
Chiesa di santa Giuliana situata sopra l’abitato di Vigo di Fassa- Comun de Sen Jan.
informazioni storiche estrapolate dal libro “La lejia de Sent’Uliana a Vich – Val de Fascia” di Padre Frumenzio Ghetta – pubblicato dall’Istituto Culturale Ladino di Fassa “Majon di fascegn”.
Sagra di Santa Giuliana 16 febbraio.
*”grostol” – dolce fritto –
*“Piz de Val”- “Ciaslir” toponimi di località

Leggenda – Si racconta che i nostri avi avrebbero voluto edificare la chiesa in una località detta Pianac. Purtroppo le mura edificate di giorno crollavano di notte. Non era quello il posto predestinato dal Cielo.
Vennero così aggiogati bue buoi e lasciati liberi, dove si fossero fermati sarebbe sorto il Santuario, si fermarono sul colle detto Ciaslir.

Leggenda – C’è stato un tempo che nessun fassano finiva più all’inferno. Il diavolo molto seccato volle scoprire la ragione. Arrivato in Fassa incontrò Santa Giuliana. Memore della grandissima fede della Santa, arrabbiatissimo scappò verso Vael dove si accorse troppo tardi della roccia. Fu così che la trapassò lasciando una fenditura, visibile anche oggi, nella parete rocciosa detta Torre Finestra.

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite