von Astrid Panizza 20.01.2022 09:45 Uhr

Eruzione vulcano sottomarino di Tonga

Danni significativi alle isole Tonga nell’Oceano Pacifico. Effetti a migliaia di chilometri di distanza

APA/AFP

Nell’arcipelago di Tonga, colpito dalla gigantesca eruzione del vulcano sottomarino Hunga-Tonga-Hunga-Ha’apai, le attività di soccorso per la popolazione interessata dalla violenta eruzione vulcanica di sabato 15 gennaio, e dal conseguente tsunami, proseguono a rilento a causa dei danni alle strade e al principale aeroporto del paese. Le comunicazioni con le isole sono difficoltose e si teme una crisi umanitaria che potrebbe interessare parte della nazione, in cui vivono 100mila abitanti.

Tra sabato e domenica il vulcano, che sembrava essere in una fase di relativa calma, in poche ore ha prodotto un’alta colonna di fumo, una quantità gigantesca di fulmini e infine un’eruzione con la produzione di una potente onda d’urto che ha viaggiato per migliaia di chilometri e contribuito a produrre maremoti. Le onde più grandi hanno causato danni lungo le coste dell’arcipelago di Tonga, mentre altre di minori dimensioni sono state rilevate a migliaia di chilometri di distanza, nel Nordamerica e nel Sudamerica.

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite