von mas 26.05.2020 06:45 Uhr

Musei del Tirolo: le “allegre” lapidi di Kramsach

Leggere, spiritose, a volte pure un po’ spinte… sono le iscrizioni cimiteriali esposte a Kramsach

“Qui giace nella pace del Signore Adam Lentsch: visse 26 anni da uomo e 37 da marito”. E’ solo una delle oltre cento iscrizioni sepolcrali esposte in quello che viene chiamato “L’allegro cimitero” di Kramsach.   Un cimitero dove non è sepolto nessuno, ma dove vengono conservate, curate ed esposte queste croci cimiteriali davvero particolari.

Fanno parte della collezione di Hans Guggenberg, fabbro e maestro tagliapietra, una delle più ricche di questo genere in tutta Europa.  Sono esposte all’aperto, in un piccolo angolo boschivo proprio dietro la fucina di Mastro Guggenberg.

Alcuna è davvero particolare, ma tutte sono viva espressione dell’arte popolare  un  tempo diffusa in tutto il Tirolo.  Visitando i cimiteri diciamo “normali” si vedono ancora  le croci tombali in ferro battuto, spesso decorate da pitture, iscrizioni artistiche, oltre che da fiori e volute metalliche. Vero opere d’arte e d’artigianato.

Queste esposte a Kramsach hanno poi quel qualcosa in più: un pizzico di sagacia, di umorismo forse macabro ma che serve (e serviva) a rendere più umana e accettabile anche la morte.

Il museo è visitabile tutto l’anno, da martedì a domenica. L’ingresso è libero, ma un’offerta, che la direzione del museo utilizzerà per la cura, la manutenzione ed il restauro delle croci, è sempre molto gradita.

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite