von mas 14.02.2020 19:35 Uhr

Valanghe.report per il fine settimana

Da www.valanghereport, le informazioni per l’intero territorio euroregionale

Nella metà nord del territorio euroregionale, il pericolo di valanghe resta di grado 3 = marcato. Gli ultimi accumuli di neve ventata poggiano su strati sfavorevoli e rimangono in parte instabili. Possono subire un distacco in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali a tutte le esposizioni al di sopra dei 2200 m circa. Questi punti pericolosi sono piuttosto frequenti ma facili da individuare e dovrebbero se possibile essere evitati. Le valanghe sono di dimensioni medie.  Con il rialzo termico e l’irradiazione solare diurni, progressivo aumento del pericolo di valanghe asciutte e umide.

La debole neve vecchia deve essere valutata con spirito critico. Punti pericolosi si trovano soprattutto sui pendii molto ripidi esposti a ovest, nord ed est tra i 2200 e i 2800 m circa. Attenzione soprattutto nelle zone di passaggio da poca a molta neve nelle zone escursionistiche poco frequentate.

 

Più tranquilla la situazione nella metà sud dell’Euregio, dove il grado di pericolo è generalmente 2 = moderato, fino a 1 = debole, nelle zone a fondovalle.  Qui si richiede soprattutto attenzione alla neve ventata recente. Con il rialzo termico e l’irradiazione solare, la situazione valanghiva è in alcuni punti sfavorevole. I punti pericolosi si trovano soprattutto sui pendii ombreggiati molto ripidi al di sopra dei 1800 m circa, come pure nelle zone in prossimità delle creste, nei canaloni e nelle conche esposte in tutte le direzioni. Questi punti sono facilmente individuabili dall’escursionista esperto. Le valanghe asciutte sono per lo più di dimensioni medie e in parte distaccabili da un singolo appassionato di sport invernali. Principalmente sui pendii ombreggiati ripidi, all’interno del manto nevoso si trovano, a livello isolato, strati fragili instabili. Con il rialzo termico, progressivo aumento del pericolo di valanghe.

La tendenza per i giorni successivi è stabile. Attenzione ovunque al pericolo di caduta e di scivolamento sulla neve ghiacciata. 

 

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite