von mas 15.05.2019 22:00 Uhr

Una Terra… cinque lingue! – La ciampèna de la mendranzes

La ciampèna de la mendranzes linguistiches a Pedua da Sent’Antone – di Maurizio Riz e Annelise Vian

La campana delle minoranze (Foto: Maurizio Riz)

Ciampedel ai 11 de mé da les 12 da mesdì.
Sclinderna l fonin, “messages de WhatsApp”.
30 foto e trei video da mie jorman Maurizio.
L fèsc semper coscita.
Anché l’é a Pedua.
L cognosc mia pascion per la storia e per l’èrt.
L me fajarà veder la marevees de la zità.
Averje la fotografìes e…
L sagrà de la gejia de Sent’Antone!!
Autoritèdes, tole fora Leopoldo Rizzi de Poldin da Vich.
N preve… na benediscion!!!
N son d’arjent e melodious.
Emozion!!!… Me bat fort l cher!!
Me grigne!! … Son contenta!!!
L’é n gran bel don!
No posse ge creer.
Seghite a vardèr la fotografìes.
N servije fotografich entriech.
Me sa de esser aló!!
La reìna l’é la ciampèna de la mendranzes linguistiches !!!
La ciampèna de mia comunanza ladina fascèna!!
La ciampèna ladina de la Pèsc!!
Detelpai de cher Maurizio!!!

La ciampèna de la mendranzes linguistiches dita “Magnificat Anima mea Dominum” la é stata pissèda dal dr. Leopoldo Rizzi de Poldin stat capocomun de Vich.

La é de bron, colèda da la firma storica de ciampènes Marinelli de Agnone tel Molise.

La sona sui 432 Hz, Mozart e Verdi conscidrèa chest l son de l’armonìa e de la vita.

La é stata benedida da Papa Francesch a Roma ai 10 de mé e ades la é dò che la passa te desvaliva zitèdes dal fort segnificat cristian e sozièl, Assisi, Loreto, Pedua, Ginevra e Baissiston.

Te Fascia la ruarà de jugn per la festa de Sen Jan Batista che l’é sora la Pieif de Sen Jan.

Su la ciampèna l’é 506 picola steiles che l’é la mendranzes linguistiches dombrèdes sun duta de la Tera.
506 sarà ence i boc che se slariarà fora anter la Dolomites da Nanef festa de la Pèsc e da Sènta Maria Maor.

La ciampèna la é fornida con n muie de bie segnes de noscia identità ladina, anter l’auter, l Pèster de Fascia, Sent’Uièna che vèrda via duta noscia val, Sen Jan Batista che l’é sora la Pieif e i blasons di comuns de Fascia.

Chesta maraveousa ciampèna sarà portèda sun Ciaslir da olache se veit ju duta la val de Fascia.
Sun chel col l’é l santuarie de Sènt’Uièna, l’é n toch de cher de nos fascegn.

Pech jun sot l’é la cortina de vera Austro – Ungarica olache paussa, te la pèsc de Ciel a l’ombrìa de peces e lèrjes, passa 600 militères morc endèna la Gran Vera del 1914/18.

Da colassù, se slariarà fora l melodious son de chesta maraveousa ciampèna e sarà l’envit a dir na orazion, n salut a la picola comunanzes de mendranza, n recort ai morc de la Vera… n son de Pèsc!!!

La campana delle minoranze linguistiche a Padova da Sant’Antonio.

Notifiche dal cellulare, messaggi di WhatsApp!
30 foto e tre video da mio cugino Maurizio.
E’ il suo stile.
Oggi è a Padova.
Conosce la mia passione per la storia e l’arte.
Mi farà partecipe di tante meraviglie della città.
Apro i messaggi e…
Il sagrato della chiesta di Sant’Antonio!
Autorità, riconosco Leopoldo Rizzi di Vigo di Fassa.
Un sacerdote … una benedizione!
Un suono argentino e melodioso!!
Emozione!!! …. Batticuore!!! ….
Sorrido!!! ….. Sono Felice!!!
E’ un regalo bellissimo.
Non ci posso credere.
Guardo e riguardo le foto.
Un servizio fotografico completo.
Quasi in diretta.
La protagonista è la campana delle minoranze linguistiche!!!
La campana della mia comunità ladina di Fassa.
La campana ladina della Pace.
Grazie Maurizio!!!
Detelpai de cher!!

La campana delle minoranze linguistiche, nominata “Magnificat Anima mea Dominun” è stata pensata ed ideata dal dr. Leopoldo Rizzi ex sindaco di Vigo di Fassa. E’ stata fusa dalla storica fonderia molisana Marinelli di Agnone, è tarata a 432 Hz, la frequenza aurea considerata da Mozart, Verdi e Puccini, il suono dell’armonia e della vita. Il 10 maggio a Roma è stata benedetta da Papa Francesco ed ora sta facendo un pellegrinaggio toccando città di grande significato cristiano e sociale, Assisi, Loreto, Padova, Ginevra e Pietralba. In val di Fassa arriverà in giugno per la festa patronale della storica Pieve di San Giovanni.  Sulla campana sono incise 506 stelline simbolo delle minoranze linguistiche del mondo.506 saranno anche i rintocchi che echeggeranno fra le Dolomiti a Capodanno festa della Pace ed il 15 agosto Festa di Maria Assunta. Sono incisi anche i simboli dell’identità ladina Fassa, fra i quali il Pastore stemma di Fassa, Santa Giuliana patrona della val di Fassa, San Giovanni Battista patrono della storica Pieve di san Giovanni, gli stemmi dei paesi fassani.  Questa stupenda campana sarà collocata sul meraviglioso colle detto “Ciaslir” dal quale si domina tutta la Val di Fassa. Su quel altura sorge l’antico santuario di Santa Giuliana tanto caro al cuore dei fassani. In prossimità della chiesa si trova anche il cimitero Austro – Ungarico dove riposano, nella pace del Cielo all’ombra di abeti e larici, più di 600 soldati morti durante la Grande Guerra del 1914/18. Da lassù si diffonderà il suono di questa stupenda campana e sarà un invito alla preghiera, un saluto alle minoranze linguistiche, un ricordo per i caduti … un suono di pace!!!!

Jetzt
,
oder
oder mit versenden.

Möchtest du die neuesten Meldungen auch auf Facebook erhalten?

Hier
klicken

Es gibt neue Nachrichten auf der Startseite