• Welschtirol
  • Un rifugio fra i monti: Rifugio Segantini in Val d’Amola

    Ai piedi della Presanella, la montagna più alta del territorio provinciale

    • Fotogallery: Raffaele Giorgetta

    Sulla sommità della Val d’Amola, incastonato nell’impressionante versante orientale della Presanella, a quota 2373 metri, sorge il rifugio Segantini. Nell’anno 1901 la SAT inaugura il rifugio e lo intitola al pittore arcense Giovanni Segantini  (deceduto nel 1899 in Engadina) per la sua opera dedicata alle genti di montagna. Nel 1977 a fianco della vecchia costruzione dalla tipica forma a “cubo” viene edificata una nuova e più accogliente struttura.

    Il rifugio è raggiungibile dalla SS 239 per Madonna di Campigli:  nel tratto tra Pinzolo e S.Antonio di Mavignola giunti ad un’ampio tornante, seguire le indicazioni per Val Nambrone e proseguire fino a Mandra larici. Lasciata l’auto, dal parcheggio si imbocca il segnavia SAT 211 che fino a Malga Vallina è una strada sterrata.  Dalla malga dopo aver ammirato i meandri del torrente Sarca, si risale tramite sentiero un breve ma ripido costone. Giunti in cima si vede il rifugio che si raggiunge  in poco tempo su un percorso quasi pianeggiante.(ore 1,30)

    Il Segantini è il punto di partenza per chi vuole salire alla cima Presanella 3558 m. attraverso il “Bochet di Monte Nero” (recentemente sistemato).  Numerose sono le traversate escursionistiche o salite alpinistiche con partenza dal rifugio per tutti i gusti e livelli di difficoltà, è sufficiente chiedere informazioni al gestore (guida alpina), sempre disponibile a far conoscere le sue amate montagne.

    Ma al di là delle ascensioni alpinistiche per esperti,  basta salire pochi minuti su comodo sentiero oltre al rifugio, per trovarsi in un ambiente primordiale fatto di roccia, acqua e cielo. I più contemplativi potranno mettersi semplicemente comodi in terrazza ad ammirare l’incantevole vista sulle Dolomiti di Brenta.  Ed infine agli amanti della buona tavola ricordiamo che il Segantini partecipa all’iniziativa “Rifugi del Gusto”.

    Per tutte le informazioni rimandiamo  al sito del rifugio.

    P.S. Sind Sie bei Facebook? Werden Sie Fan von unsertirol24.com!