• Welschtirol
  • Trento (e Ugo Rossi) vanno a Roma.

    Rossi e Andreatta con una folta delegazione all’audizione per “Trento capitale italiana della cultura 2018”

    Trento - Castello del Buonconsiglio

    Trento capitale italiana della cultura 2018. E’ quello che spera il sindaco Andreatta, oggi a Roma per l’audizione presso il Ministero dei Beni Culturali.

    Folta e convinta, la delegazione trentina, con l’assessore comunale alla cultura Robol, il rettore dell’Università Collini, il direttore del Muse Lanzingher, il vicepresidente del Mart, nonchè presidente delle Cantine Ferrari, Lunelli, Rossini di Trentino Marketing, funzionari e dirigenti dei servizi comunali. E, naturalmente, il Governatore della Provincia Autonoma Ugo Rossi, a supportare la candidatura del capoluogo.

    Certo che nello sfogliare la documentazione presentata dal Comune di Trento, ci si domanda dove e in che modo venga messa in risalto la specificità, storica, culturale ed identitaria, a cui questa Terra deve la propria autonomia.

    Di seguito, ne pubblichiamo alcuni estratti particolarmente significativi:

    “La città nelle Memorie dei grandi personaggi che l’hanno attraversata: Nel 1909 il PSI manda Benito Mussolini in Trentino come propagandista, dove diventa Segretario della Camera del Lavoro e dirige il giornale “L’Avvenire del lavoratore”. Il 3 novembre 1918 Pietro Calamandrei è uno dei primi soldati italiani ad entrare a Trento. Il 4 novembre 1918 Sandro Pertini arriva a Trento alla testa dei suoi mitraglieri.”

    La città degli Alpini. L’Associazione Nazionale Alpini ha scelto Trento come sede per la 91° Adunata Nazionale, scelta che sposa felicemente lo spirito e gli obiettivi di TN18. La riqualificazione del Museo Nazionale Storico degli Alpini, il progetto di grandi mostre dedicato al 1918, e, in generale la riflessione sulla storia e le guerre che hanno attraversato Trento offrono molteplici spunti e occasioni di confronto con l’evento, al quale TN18 dedicherà completamente la propria programmazione nei giorni in cui decine di migliaia di Alpini “invaderanno” la città.

    “Ca’ dei Mercanti: nuova sede del Museo Storico del Trentino. L’apertura di una nuova sede donerà alla città uno spazio che racconti la storia del Trentino, in particolare del ‘900, nelle sue connessioni europee, nazionali e regionali – insieme al Castello del Buonconsiglio e alla Fossa dei Martiri, teatro delle esecuzioni di Battisti, Filzi e Chiesa”

    P.S. Sind Sie bei Facebook? Werden Sie Fan von unsertirol24.com!